Pubalgia sintomi, cause e come curarla con la fisioterapia

Pubalgia sintomi, cause e come curarla con la fisioterapia

PUBALGIA SINTOMI_CENTRO MEDICO

La pubalgia conosciuta anche con il nome di “ernia sportiva” e “inguine di Gilmore” è una lesione muscolare dolorosa nella zona inguinale. Nonostante venga chiamata “ernia” la pubalgia non lo è in quanto si riferisce ad un infortunio all’inguine dovuto a tensione o lacerazione dei tessuti molli.

Pubalgia cause

Le persone affette da pubalgia sono per lo più giovani che praticano sport. E’ una sindrome più comune negli uomini a causa di una pelvi più stretta che determina più movimenti a fronte di minore stabilità rispetto ad una pelvi femminile più ampia. Vi sono alcuni sport che più di altri possono causare una pubalgia:

  • Hockey su ghiaccio
  • Calcio
  • Lotta
  • Rugby
  • Sci
  • Tennis

Circa il 5% degli adulti ogni anno soffre di pubalgia o “ernia dello sportivo”. Hanno maggiore probabilità di soffrire di questa patologia gli atleti che praticano sport che comportano movimenti improvvisi e violenti, in particolare la torsione del bacino. Ad ogni modo, non bisogna essere necessariamente degli sportivi per soffrire di pubalgia, ma sicuramente colpisce molto di più le persone che praticano sport. La pubalgia si verifica quando gli strati profondi della parete addominale bassa o i tendini che attaccano i muscoli al bacino si indeboliscono o si strappano.

Possono causare un’ernia sportiva le seguenti situazioni:

  • Movimenti dell’anca forti e ripetitivi, come torsioni, calci, salti;
  • Esercizi intensi insidiosi per addominali e fianchi;
  • Fiacchezza dei muscoli addominali e insufficiente preparazione sportiva;
  • Sbilanciamento di forza tra l’anca e i muscoli addominali.

Pubalgia sintomi e cura

Il sintomo principale della pubalgia è un dolore intenso cronico nella zona addominale inferiore e/o nell’inguine. Come descritto dai pazienti è un dolore simile ad un bruciore che si irradia verso il basso fino allo scroto e/o all’interno della coscia. Il dolore si avverte soprattutto quando si fanno movimenti improvvisi, si compiono sforzi, ci si siede o si tirano calci. Il dolore può scomparire quando si sta a riposo ma, senza una terapia, ricompare durante l’attività sportiva.

trattamenti per curare la pubalgia dipendono da quanto severo è il danno, dall’età e dallo stato di salute del paziente. Può essere curata chirurgicamente o con fisioterapia. Il consiglio è sempre quello di provare dapprima con la terapia conservativa. Si consiglia sin da subito un periodo di riposo di circa dieci giorni dalla comparsa dei sintomi e successivamente iniziare delle sedute di fisioterapia che consistono in esercizi mirati a migliorare la forza e la flessibilità dei muscoli addominali e interni della coscia  per riabilitarli al corretto funzionamento dopo l’infortunio. Solo nel caso in cui con la fisioterapia non si raggiungono i risultati attesi allora si consiglia l’approccio chirurgico.

Pensi di soffrire di pubalgia e hai bisogno di un consulto medico? Rivolgiti al Centro Medico San Sebastiano contatta il Centro al numero 0833 1938194 oppure scrivi a  info@centromedicoracale.it e prenota una visita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.centromedicoracale.it/wp-content/uploads/2019/01/sansebastiano-immagine-di-sfondo-centro-medico.jpg);background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 250px;}